A seasonal pleasure

A seasonal pleasure

September at Mountain and Sea Scotland HQ brings one of most satisfying of seasonal tasks, the storing of firewood logs to fuel our woodburner.  A big load of beech and elm from our regular supplier Ben at Treelogic arrived on a Friday, giving us the weekend to do the job.  The first task was to sort out what would be stacked immediately and what could be split to give a variety of log sizes.  There followed an evening’s work steadily moving the logs to the woodstore by wheelbarrow and starting the stacking process.  There was no hurry to do it as this load of wood isn’t for use in the coming winter, it’s destined to be burned in autumn and winter 2022/23.I left the majority of the beech logs aside to be split.  As it was mainly large branch wood it would split nicely and provide smaller logs as well as making the individual logs easier to stack.  This is a job which has never seemed to be a chore to me but rather an enjoyable, even paced rhythm which is totally absorbing and almost therapeutic.The job is made especially enjoyable because my splitting axe is a a wonderful tool.  A hand-forged large splitting axe from the small Swedish company Gransfors Bruk, it was a gift from our children a few years ago.  I have never used a tool so perfectly designed for purpose and which feels so absolutely “right” in the hands – it makes me smile every time I come to use it.The job is finished by stacking the logs in one of our several woodstores.  This is also an absorbing job; there will be a “right” space for each log, no matter how awkwardly shaped.  In Scotland we don’t usually see straight birch log firewood cut perfectly to length and diameter to form the wonderfully aesthetic stacks seen in Scandinavia, but its still possible to get a stable stack which doesn’t look too much like simply a pile! And so, the job is done – for now.  The new load of wood is dry and perfectly burnable, but like malt whisky, firewood benefits from some additional time to mature.  Given extra months of seasoning it’s possible to get wood seasoned from a dry 20% to as low as 15% moisture content even in Scotland’s climate and this makes a surprising difference to the way it burns.  In the meantime, of course, there’s the satisfaction of walking past the woodstore on most days – it’s tempting to build and fill “just one more” store – after all, you never know what the weather might be like next winter!

messaggio dal TatiyakSPOT Localizzatore SPOT Personal Tracker

TatiyakSPOT Latitudine:39.62183 Longitudine:16.75031 Posizione GPS Data/Ora:09/08/2021 18:47:06 CEST Messaggio:Sud Italia Kayak Tour 2021. Stiamo bene e il viaggio prosegue come programmato… Fai clic sul seguente collegamento per vedere dove mi trovo. http://fms.ws/1Y7trb/39.62183N/16.75031E Se il link sopra non funziona , provate questo link: http://maps.google.com/maps?f=q&hl=en&geocode=&q=39.62183,16.75031&ll=39.62183,16.75031&ie=UTF8&z=12&om=1 TatiyakSPOT Hai ricevuto questo messaggio perché TatiyakSPOT ti ha aggiunto al suo elenco di contatti SPOT. FindMeSPOT.com

Spindrift – Assar Åhlander

Spindrift – Assar Åhlander

Från Assar Åhlander en ny välbyggd kajak – den här gången en av de snyggaste tolkningar av Spindrift-ritningen jag sett! Jag gillar det grafiskt rena och enkla där ljus och skugga skulpterar fram formen. Design som motsats till styling.

“Hej Björn,
Nu har jag precis blivit klar med min Spindrift. Kortad till 576 cm och efter ett långt velande om färgsättning blev den, vit…
Jag kommer att lägga upp lite bilder med beskrivningar på en websida så småningom och delar adressen i kommentarsfältet senare.
Mitt viktmål var från början 15kg, det blev till slut 16.5kg. Helt ok resultat eftersom den har “extra allt” med packluckor fram och bak, kan ha underliggande eller aktermonterat roder, dubbel glasfiber på skrovets botten, linfästen, drickahållare och låsögla.
Sittbrunnen är handupplagd kolfiber/glasfiber, skrovet av 4mm paulownialister (förutom relings- och köllister som är i gran) och däcket av 4mm böjplywood.
Pedalställ och roder är från Nelo som är lätt att få tag i. Bailern är en debrito och betydligt svårare att tjata till sig att få köpa.
Packluckorna (pry-out) från Beckson, som saknar återförsäljare i Europa. Efter ett antal obesvarade email och LinkedIn-kontakter hänvisade de till defender.com som levererar med UPS till Sverige på ett par dagar.”

Uppdatering lite senare…

“Jag måste erkänna att jag aldrig suttit i en surfski (i vatten) förrän ikväll. Har känt och klämt på både NK och Nelo på klubben men inte vågat(?) prova, speciellt efter att jag startade bygget. Då infann sig en viss tvekan, tänk om de där köpebåtarna är bättre än den jag bygger…
Jag hade å andra sidan inte paddlat en Njord eller en BP (och ingen annan grönlandskajak) heller innan jag byggde dem och de är bägge nu mina favoriter.
Ikväll har jag fått en till älskling!
Har en (1) gång tidigare paddlat en motionskajak med pedalstyrning, annars roder bara med pinnstyrning i pappas gamla VKV Kåre.
Hade man kunnat köra av vägen med en surfski så hade jag gjort det i första svängen! Vilken roderrespons, den t.o.m. lutade innåt i kurvan! Lätt på foten och tack vare vingaddeltränandet med Njorden nu i sommar så var det lätt att komma in i flytet.
Jag har aldrig paddlat något så snabbt och lättdrivet. En snabb koll med GPSen gav drygt en km/h snabbare än Njorden vid samma arbetsinsats och kunde utan problem hålla 10km/h vilket med Njorden var absolut max under på sin höjd hundra meter.
Stor eloge till dig Björn för en konstruktion som är så lyckad! Än så länge bara med erfarenhet från blankvatten men det är mycket, mycket lovande!
HälsningarAssar”

messaggio dal TatiyakSPOT Localizzatore SPOT Personal Tracker

TatiyakSPOT Latitudine:39.50457 Longitudine:16.94266 Posizione GPS Data/Ora:09/07/2021 18:50:27 CEST Messaggio:Sud Italia Kayak Tour 2021. Stiamo bene e il viaggio prosegue come programmato… Fai clic sul seguente collegamento per vedere dove mi trovo. http://fms.ws/1Y5bBT/39.50457N/16.94266E Se il link sopra non funziona , provate questo link: http://maps.google.com/maps?f=q&hl=en&geocode=&q=39.50457,16.94266&ll=39.50457,16.94266&ie=UTF8&z=12&om=1 TatiyakSPOT Hai ricevuto questo messaggio perché TatiyakSPOT ti ha aggiunto al suo elenco di contatti SPOT. FindMeSPOT.com

Under vann og variabelt vær

Under vann og variabelt vær

Sist fredag ble forbausende perfekt til å være en skikkelig drittdag i utgangspunktet. En årsdag jeg egentlig er lite interessert i å huske lå tvertimot an til å bare gni det inn med legebesøk og denslags. Men plutselig løste alt seg på mirakuløst vis, sånn at det padletur istedenfor. Franck skulle være med, så jeg fikk litt bakoversveis da jeg så ut av vinduet om morgenen – det gikk kraftig hvitt utpå. Ikke ideelt for å ta med noen som ikke har padlet særlig bølger fra før. Det roet seg heldigvis litt, og var lite nok vestlig til at det skulle være greit å sette ut på Jennestad som vi (jeg) hadde planlagt. Så håpet jeg at det skulle være litt bølger lenger ut, sånn at han kunne få prøvd seg litt.  Vi fant ut at Gåsfjorden kunne være et fint mål i dag, og så sneie innom Vikøya på returen. Jeg håpet jo på litt medvindspadling innover, men visste jo at det var urealistisk. Det pleier jo å være motsatt.Franck hadde tatt med dykkermaske og snorkel, og da vi passerte et skjær foreslo han å ta en stopp for å kikke under vann. Omsider hadde jeg også husket å legge dykkerbrillene i padleutstyret, så det var jo en kjempeide! Merk for øvrig fossen i Gåsfjorden, den kan jeg ikke huske å ha sett før. Tang og tare har jeg riktignok sett før, men det var likevel fint å se det gjennom dykkerbriller og under vannflata.Vi fikk til og med blå himmel en periode mens vi holdt på.Da er det jo ekstra kjekt å holde på med sånt.Men kanskje kunne det være annerledes på den andre siden av skjæret? Vi fant det verdt å sjekke i hvert fall.  På vei over, hørte jeg meg selv plutselig si «Oi, en kul bæsj!»… Det var jo det da. Noe har spist både blå og røde bær, åpenbart. Men en noe absurd uttalelse. Hvis søringen jeg hadde med stusser på de lokale her, vil jeg nok ha en viss forståelse for det tror jeg. Men hvilken skapning det kan være som har vært på bærtur lurer jeg ennå på. Forslag?Stilig stein fant jeg også.Det var faktisk litt mer der – en god del oskjell blant annet, både levende og tomme. Og kråkeboller i flere varianter. Ikke riktig like morsomt å oppdage hull i kajakken. Rett bak setet. Det som brukes, det slites, men nå begynner jeg å bli lei av reparasjoner og vedlikehold. Jaja, heldigvis er jeg jo ekstremt handy. Og elendig på ironi…Vi padlet videre før vi ble skikkelig iskalde, men droppet å padle helt inn Gåsfjorden. Den er ganske rett, kort og uten skjærgård, så man ser i grunnen det meste fra åpningen. Etterpå satte vi kursen mot Vikøya – på tvers av vinden slik den kom nå. Rundt oss gikk det en og annen eling, sånn som denne på bildet – og så kom det en innover Gavlfjorden.Som bestilt, så havnet vi midt i den! For en gangs skyld skulle man få maksvind på turen i ryggen på retur. Hva er oddsen liksom? Joda, har man med en fersking så er vel sjansen ganske stor…Han klarte seg fint, så vi kunne padle den optimale ruten for surfing tilbake til bilene. Ikke bare det, men han direkte koste seg. Bølgene ble ikke veldig store, men ypperlige til å øve på medvindspadling. Når vinden begynte å løye var det skikkelig plaskregn, så heftig at det bare var til å flire av der vi satt i tørrdrakter. Rett og slett en veldig artig avslutning på turen. Veldig fin start på helga, i bygevær skal det ikke så mye til før en tur bli innholdsrik selv om den er kort. Takk for turen. 

Sud Italia Kayak Tour 2021: il diario da Capo Colonna a Punta Alice…

Giovedì 2 settembre 2021 – 47° giorno di viaggioCapo Colonna – Capo Colonna: 0 km in kayak, qualche km a piediVentosissimo con raffiche fino a 30 nodi (F7 scala Beaufort) Sapevamo che sarebbe stata una giornata di vento forte.Avevamo scelto di proposito la caletta più ridossata nei pressi di Capo Colonna, in modo da proteggere la tenda dagli assalti del vento e da approfittare del giorno di sosta forzata per peregrinare nei dintorni.La visita al faro è d’obbligo. Ma anche agli scavi archeologici che si estendono sull’intero promontorio di Capo Colonna. Sono famosi per la colonna che ha dato il nome al capo: è l’unica superstite delle sei colonne del lato rivolto verso il mare e del grande colonnato esterno che circondava il tempio greco dedicato alla dea Hera Lacinia. La colonna svetta sui resti del tempio e del successivo insediamento romano ed è talmente imponente che fa fare un salto indietro nel tempo. La pietra è molto particolare, tipica del luogo e si ritrova anche negli opus reticolatum che costituivano parte delle mura difensive del nucleo urbano. Ha un nome accattivante, calcarenite conchilifera, che fa subito pensare al mare. Altre due colonne sono state rinvenute coricate sul fondale poco al largo del tempio e sulle varie secche che incoronano il capo si possono ammirare altri resti grazie alle immersioni subacquee guidate. Noi restiamo a lungo a guardare la colonna aggrappati ai corrimano delle passerelle in legno, che Mauro critica per la ruggine che ricopre l’acciaio inox, di qualità inadatta alla salsedine ma che ci offrono un appiglio sicuro per resistere alle forti raffiche del vento, ancora più aggressive sugli spazi aperti del capo. Trascorriamo un paio d’ore tra gli scavi e la Torre Nao e la chiesetta bianca della Madonna di Capo Colonna, un po’ sorpresi dal fatto che tra gli scavi stessi sorgano alcune ville private a due piani, alcune orami abbandonate ed altre ancora abitate: leggiamo poi sull’opuscolo del museo che l’abusivismo edilizio ed il commercio clandestino di reperti archeologici sono i principali fenomeni che affliggono il Mezzogiorno. Insieme agli incendi dell’estate 2021.All’ora di pranzo ci rifugiamo nello stesso ristorante che ci ha ospitato la sera prima e ci rifacciamo delle fatiche culturali con un antipasto di impepata di cozze e con due bei piatti di linguine allo scoglio.Il pomeriggio, invece, lo passiamo a bighellonare in spiaggia accanto ai nostri due kayak, controllando costantemente le previsioni meteo ed aspettando che arrivi la sera. Con il calar del sole rimontiamo la tenda e ci addormentiamo prima ancora che diventi buio.Mauro bisbiglia sul cuscino che non è affatto male vivere una vita da galline, come quella che stiamo vivendo noi in questi ultimi giorni di viaggio: andare a letto col primo buio e svegliarsi col primo sole…Venerdì 3 settembre 2021 – 48° giorno di viaggioCapo Colonna – Crotone nord: 21 km Sereno variabile – vento in attenuazioneNon sono neanche le sette del mattino e noi siamo già operativi.Coi nostri soliti tempi lenti, alle otto facciamo colazione e fino alle nove chiacchieriamo tra noi, sistemiamo i gavoni, rabbocchiamo d’acqua le poche bottiglie vuote e ci prepariamo ad una nuova giornata di navigazione. Quando siamo quasi pronti, ecco giungere dal mare una gradita sorpresa: i primissimi partecipanti giunti al raduno Calabriantour 2021 si affacciano in kayak alla nostra piccola e bella baietta. Hanno intenzione di doppiare Capo Colonna e siamo molto contenti che i loro tempi e programmi coincidano così bene con i nostri. Ci muoviamo tutti insieme dopo le irrinunciabili foto di rito ed in poco tempo il mare blu del capo si colora delle vivaci tonalità dei nostri otto kayak. Sul capo c’è ancora l’onda lunga del mare mosso di ieri e si sentono ancora gli effetti del vento forte che ha soffiato ancora per buona parte della notte. Ma siamo tutti tranquilli e procediamo spediti e compatti oltre il faro, oltre la colonna, oltre la torre e la chiesetta, oltre le onde numerose e ravvicinate che imbiancano le scogliere del promontorio.Il mare è diventato di un bel colore lattiginoso per via delle correnti che hanno rimestato la sabbia dei fondale ma i colori della giornata sono comunque invitanti, col cielo blu rigato di nuvolette bianche e con i calanchi di arenaria grigia ricoperti di cespugli secchi e dorati. Navigare in questo mare è molto divertente, un continuo sali scendi tra le onde, con qualche spruzzo prevedibile sui frangenti più corposi, gli ultimi della mattinata perché il vento sta già calando. Tre del gruppo si fermano a prendere il sole sulle spiaggette corte di sabbia rossa, altri tre proseguono con noi fino a Crotone per un caffè al bar. Che presto si tramuta in un pranzo in compagnia consumato ai tavolini di un locale sul lungomare: Artefritto prepara gustosissimi piatti di polpette e arancini di carne, di pesce e di melanzane (le mie preferite!), oltre a ricche insalate servite in ciotole merlate di pane secco. Restiamo a ridere per un paio d’ore ancora, raccontandoci a vicenda varie avventure e disavventura in kayak lungo le coste italiane e mediterranee. E’ sempre molto bello condividere momenti di convivialità non solo con chi vive la stessa passione per il mare ed il kayak ma anche con chi comprende le tante piccole manie per il campeggio nautico.Poi ci separiamo: arriva il momento dei saluti quando noi due ci alziamo per andare a visitare il Museo Archeologico di Crotone. Fantastico!E’ stato costruito alle fine degli anni Sessanta per ospitare i numerosi reperti archeologici rinvenuti negli scavi avviati in città e fuori: Crotone sembra una cittadina sorta in un luogo infelice, così stretta tra i calanchi bruciati dal sole e dal fuoco ed un porto sovradimensionato che si è mangiato quasi tutte le spiagge del lungomare. Invece è stato uno dei luoghi prediletti della Magna Grecia, sede della scuola pitagorica e dei giochi olimpici, di culti religiosi, di commerci instancabili e di numerose guerre per occupare queste colline ora cariche di memorie e di reperti storici. Ovunque si sia scavato per costruire nuovi edifici, dal ginnasio all’ospedale alla zona industriale, sono state rinvenute mura, colonne, necropoli, monete e varie preziosità. Tutte o quasi finite nel museo. Il nuovo allestimento del 2000 guida il visitatore alla scoperta dell’antica Kroton e dei tesori rinvenuti al tempio di Hera Lacinia di Capo Colonna, tra i quali spiccano una misteriosa barchetta nuragica in bronzo ed il meraviglioso diadema in oro offerto alla dea forse da un atleta vincitore. Ma le teche sono ricolme anche di tanti altri tesori, per lo più rinvenuti nel cosiddetto edificio B, emerso accanto al tempio ma leggermente divergente e risalente al VI secolo a.C., con ogni probabilità il primo centro di culto del santuario: “la vasta scelta e la qualità degli oggetti votivi rinvenuti in oro, argento e bronzo attestano in modo evidente l’ampia risonanza e la fama che il santuario di Hera Lacinia aveva nel mondo antico”. Di mirabile fattura il gruppo di bronzetti raffiguranti una Sfinge, una Sirena e una Gorgone, ma anche grandi vasi in bronzo e terracotta, numerosi unguentari di forme e proporzioni molto particolari, e quel che ha più colpito il mio immaginario, una serie di finimenti in bronzo per cavalli che attestano la grande considerazione data all’animale ma anche la grande maestria nella realizzazione di manufatti.Insomma, esco dal Museo quasi un’ora dopo Mauro, con altre centinaia di foto scattate ed un sorriso largo da un orecchio all’altro. Lui paziente aspetta all’ombra della scalinata di uno dei vicoli della città vecchia, sotto i bastioni della torre difensiva del Castello di Carlo V, molto meno entusiasta di me della visita appena conclusa: è rimasto assai deluso dallo stato di conservazione di molti reperti in ferro che, pur nelle teche, si stanno sfaldando, depositando pezzetti vari intorno ai piedistalli. Presa com’ero dall’ammirare le mille meraviglie esposte, io non mi sono neanche accorta di questo particolare, ma il suo occhio critico non se l’è fatto scappare. Scendendo verso il mare continua a borbottare che di questo passo ben presto non resterà più nulla da mostrare nel museo!Alle cinque del pomeriggio riprendiamo a pagaiare e superiamo prima la bocca del porto turistico di Crotone e poi la seconda bocca del porto commerciale, da cui avevamo visto uscire in mattinata solo una pilotina rossa diretta alle quattro piattaforme di estrazione del metano che si ergono poco al largo delle città.Noi puntiamo una delle prime pinete alle spalle delle spiagge che corrono verso nord, ma la prima è di una villa recintata e la seconda è sulla foce di un fiumiciattolo che serpeggia in mare: la terza sembra fare finalmente al caso nostro. Tre grandi cartelli bianchi riportano la scritta “La spiaggia è di tutti: teniamola pulita”. Sbarchiamo. Tiriamo in secca i kayak e subito un custode si avvicina per spiegarci che si tratta di un’altra spiaggia privata: “Adesso la stagione è quasi finita e non c’è più nessuno, ma in estate qui è pieno di gente”. Ci lascia aperti i bagni e le docce, così possiamo fare rifornimento d’acqua molto facilmente. Noi l’abbiamo scelta per la bella distesa di acacie saline, come lui ci dice viene chiamata questa varietà dalle foglie oblunghe di un bel verde brillante e dai lunghi semi a baccello di un marrone intenso: è ormai diventata la nostra pianta preferita in questo viaggio estivo, coi suoi rami frondosi che risuonano nel vento, che proteggono dal sole e che ricadono dolcemente verso il basso. I fusti non sono mai troppo alti, ma abbastanza forti da ospitare una tenda.Pochi euro per la notte ed il posto è tutto nostro! Sabato 4 settembre 2021 – 49° giorno di viaggioCrotone nord – Strongoli Marina: 19 kmNuvoloso tendente al sereno – mare increspato dal vento contrarioPer la prima volta avvertiamo l’arrivo del fresco!L’alba ci raggiunge dietro una corona di nuvole cariche di pioggia che per fortuna scaricano il loro contenuto in alto mare. Noi ci godiamo la spiaggia privata tutta per noi per buona parte del primo mattino ed ammiriamo la cura che il proprietario rivolge ad ogni singola acacia, preparando il terreno col concime adatto all’arrivo delle prime piogge.Salutiamo ricambiati i loro saluti e quasi ci dispiace lasciare questo campo, uno dei più belli dell’intero viaggio, uno dei più silenziosi e tranquilli ora che la stagione sta ormai volgendo al termine.Ci lasciamo chiamare dai bagliori del mare increspato dal vento. Proseguiamo lenti la nostra navigazione verso nord, rallentati ora dalla brezza contraria che diventa via via sempre più insistente. Le previsioni annunciavano un cambio nella direzione del vento, che già verso le undici del mattino avrebbe dovuto girare verso est e poi persino verso sud, offrendoci in tal caso una buona spinta per risalire la costa. Invece è già passato mezzogiorno e la brezza tesa continua ad essere contraria!Passiamo una punta bassa e sabbiosa sormontata da una fitta pineta e poco oltre scorgiamo un boschetto di eucaliptus che sembra essere perfetto per ospitarci per il pranzo. Mauro si addentra nei campi coltivati al di là dello sterrato che costeggia un torrentello ricolmo di canne e torna con una bella anguria, scartata dalla raccolta stagionale e rimasta tra altre decine a marcire sul terreno: ancora zuccherina e succosa, è perfetta come merenda.Riprendiamo un po’ controvoglia a pagaiare nel vento contrario e ci lasciamo distrarre dalle decine di grandissime meduse trasparenti che incontriamo lungo la costa: nell’acqua verde e cristallina il loro gonnellino violaceo risalta più del solito e ci stupiscono le dimensioni davvero notevoli di molti esemplari di questa bellissima specie. Ogni tanto, insieme alle Rizosthoma Pulmo, incrociamo anche qualche raro esemplare di medusa “occhio di bue”, quelle di color marrone con la testa più scura ed i tentacoli corti che a me fanno sempre pensare ai pallini dei gonnellini greci. Le meduse rappresentano la nostra unica fonte di distrazione del pomeriggio.Fino a quando non avvistiamo il nostro supermercato, una costruzione tondeggiante alle porte di Cirò Marina: siamo rimasti senza frutta e verdura e per una volta ci concediamo anche del pane fresco. Ed una vaschetta piccola di gelato al pistacchio, da dividere a cucchiaiate sulla scalette del retro, affacciati sul mare.Pagaiamo ancora per un’oretta soltanto, giusto il tempo di uscire dal paese: troviamo ospitalità davanti ai ruderi di una delle ultime villette sul mare, proprio accanto ad una bella casa bianca circondata da un giardino lussureggiante da cui esce una coppia che si apprestava alla passeggiata serale in riva al mare. Viene invece decisa verso di noi per aiutarci a tirare in secca i kayak e per chiederci se abbiamo bisogno di qualcosa. “Ma davvero arrivate da Latina in kayak? Non ci credo: quindi avete anche passato lo Stretto di Messina! Ma davvero?” Continua a ripetere e a sorridere attonita la signora simpatica. Torna poco dopo con un’anguria gigante: “sono le ultime di stagione, spero sia ancora buona!”Stavolta ci addormentiamo un po’ più tardi del solito: alle nove in punto!Domenica 5 settembre 2021 – 50° giorno di viaggioStrongoli Marina – Punta Alice: 21 kmNuvoloso e piovoso – vento contrario e mare increspatoCi svegliamo in un dipinto di William Turner.Le nuvole corrono veloci in un cielo carico di pioggia, scuro e nero da farci passare la voglia di uscire dalla tenda. Invece poi il vento fa diradare la coltre scura che avvolge l’alba e il primo mattino brilla d’oro e d’argento.Sulla spiaggia passa un pescatore. E subito si ferma a chiacchierare.Ha appena trovato una rete contenente cinque boe nere che aveva perso oltre venti giorni fa durante una battuta di pesca al largo di questi lidi. E’ sorpreso lui stesso, nonostante l’esperienza, di come il mare tolga e restituisca. E ci chiede del nostro viaggio. E ci racconta delle sue uscite a pesca, della barca al porto di Crotone, della costa calabrese e dei calabresi. E’ una chiacchierata di quelle che non vorresti finissero mai, ricca di aneddoti e segreti e piccole grandi verità. I suoi occhi si illuminano quando parla dei pesci e delle esche e deve essere una luce simile che lui scorge nei nostri occhi, perché continua a ripetere che ci deve volere tante passione per un viaggio così lungo con “barchette così piccole”. Ci saluta troppo presto: “Non ho viaggiato così tanto, ma un mare così bello e pescoso come questo non ce n’è!”.Ci bastano poche pagaiate per raggiungere l’agglomerato di Torre Melissa: il paesino marinaro corre lungo e stretto tra la costa e la ferrovia e prende il nome dalla bella torre in pietra a base esagonale e a sommità circolare, con contrafforti e merli che si erge proprio sugli ultimi rilievi collinari affacciati sul mare. Non è molto distante da Cirò Marina, separata da un tratto di litorale un po’ più maltrattato del solito, con case evidentemente abusive davanti a vigneti ben coltivati e con fiumiciattoli in secca sormontati da strane condutture volanti. Anche Cirò Marina non è proprio una meraviglia, vista dal mare, con un albergo a cinque piani e delle strane torrette che chiudono le scale esterne, con un grande stabilimento balneare a scaloni e delle grandi tensostrutture per l’ombra e con un piccolo porto turistico la cui diga foranea è protetta da un’altissima barriera di “ancorapodi”, massi di cemento dalla stranissima forma di ancore bifronti: ci sembra troppo alta per un porto così piccolo ma forse il mare ha imposto la sua.Dopo una breve pausa pranzo, in cui consumiamo la prima metà dell’anguria regalataci dalla signora simpatica, riprendiamo a pagaiare tra le meduse. Che però oggi non rappresentano l’unica nostra distrazione perché il panorama si fa più interessante via via che usciamo da Cirò Marina. Superiamo prima la bocca di porto, che ha la luce rossa miseramente accasciata sulla massicciata, e poi velocemente uno scarico maleodorante alle porte della cittadina. Prima ancora di doppiare la lunghissima lingua sabbiosa di Punta Alice, sormontata da un bel faro bianco, avvistiamo una lunga pineta profumata che incorona una bella spiaggia di sabbia bianca e fine che corre bassa e lineare e deserta fino all’orizzonte. Punta Alice è infatti talmente pronunciata che, costeggiando come facciamo a pochi metri dalla battigia, per risentire meno del vento che va rinforzando, non vediamo nient’altro che mare fino alla punta. E sulla punta incappiamo in una bella corrente contraria che disegna in mare un arco ampio e spumeggiante di frangentini che si rincorrono dispettosi e nervosetti. E’ una vera e propria corrente di marea, una tidal races ionica che ci sorprende e ci diverte. Per una buona mezz’ora cavalchiamo questa piccola scia di mare imbiancata da onde irregolari che movimentano un po’ il pomeriggio passato a pagaiare controvento.Anche oggi, infatti, le previsioni davano vento a favore, mentre invece è stato quasi sempre contrario. Ora che la nostra rotta cambia di quasi 90 gradi, il vento ci arriva al traverso e ci accompagna fino al campo.Sbarchiamo in una spiaggia anonima appena tre chilometri oltre Punta Alice, poco dopo una bruttissima struttura industriale con tanto di silos in cemento ed in ferro arrugginito, che Mauro scopre essere stato un deposito di sali dell’ENI, e quasi sotto una bella costruzione in pietra che dalla mappa sappiamo essere il Mercato Saraceno.Per oggi può bastare.Lunedì 6 settembre 2021 – 51° giorno di viaggioPunta Alice – Punta Alice: 0 kmNuvoloso e piovoso – vento contrario e mare increspatoLa notte più tribolata del viaggio!Ormai abbiamo capito che guardare le previsioni non aiuta. Almeno in questo tratto di costa ionica. Forse perché è proprio al confine tra due settori meteorologici. Sta di fatto che ieri sera il tramonto infuocato, che pure siamo saliti sulla duna per goderci in tutto il suo spettacolare splendore, non annunciava certo bel tempo ma piuttosto, come avevamo già stabilito nei nostri lunghi viaggi greci, stava a significare che “rosso di sera, ti aspetta una bufera!” E infatti la notte è tutta una infilata di vento forte, pioggia battente e raffiche che puliscono il cielo e che poi riportano altre nuvole, e poi ancora pioggia e ancora vento e soprattutto sonno intermittente e disturbato. Avevo dimenticato quanto è faticoso riuscire ad addormentarsi col rumore martellante del telo esterno sbatacchiato dal vento oppure col suono pesante dei goccioloni di pioggia che cadono sulla tenda. Alle quattro del mattino, quando tra le nuvole si intravede la costellazione di Orione ed un primo leggero bagliore rossastro si annuncia lontano all’orizzonte, mi tocca uscire dalla tenda per sistemare i picchetti e per rimboccare le ali paravento sotto una bel cumuletto di sabbia bagnata. Mi risveglio col sole ormai alto quando sono passate le nove del mattino.Mauro si è già fatto la barba e si è sistemato a fare colazione ai piedi della duna, al riparo dal vento più forte. Lo raggiungo con gli occhi ancora socchiusi e mi siedo accanto a lui per mangiare qualcosa. Mi dice di aver dormito poco anche lui, col sesto materassino del viaggio che si è bucato!Non sappiamo cosa fare: il mare è grosso, le onde frangono a riva con grandi riccioli spumeggianti, il vento non accenna a calare. Di solito, a quest’ora, e con tutti i nostri tempi ultra-lenti, siamo già all’opera per smontare il campo: mentre Mauro si rade, io ripongo i sacchi a pelo nelle loro sacche, poi sgonfio e ripiego i materassini, libero la tenda dalle nostre varie cianfrusaglie, slego il sovra telo per metterlo ad asciugare, smonto il sottotenda ed i paletti e sistemo tutto nei rispettivi sacchetti. Il carico è equamente diviso tra i due kayak ma mente io sistemo tutto l’attrezzatura da campeggio nel gavone di prua, Mauro ha scelto di redistribuire le cose tra quello anteriore e quello posteriore. Quindi prima di metter via ogni cosa, lui deve finire di fare colazione, mentre io prima infilo tutto in kayak e poi tiro fuori ovomaltina e muesli. Alla fine dei giochi, però, siamo sempre pronti quasi nello stesso momento. E soprattutto, siamo sempre pronti alla sera per rifare lo stesso gioco all’inverso: tiriamo fuori tutto l’occorrente per ricominciare ancora un’altra volta. Per prima cosa Mauro si asciuga e si occupa di tutta l’attrezzatura elettronica, mentre io scatto le foto del campo; poi Mauro spiana il posto prescelto per montare la tenda con l’aiuto dell’immancabile “caterpillar”, il nostro fidato legno per i “lavori edili” che portiamo ormai in tutti i nostri viaggi; infine, io monto la tenda e preparo materassini e sacchi a pelo mentre Mauro cucina la cena, di solito cous-cous o riso con sughi pronti oppure minestrone di verdure con pastina. Siamo un po’ carenti nei dolci, in questo viaggio, e nei liquorini post-prandiali, ma abbiamo frutta fresca a volontà. Di solito, siccome per cucinare ci vuole più tempo che per montare il campo, capita spesso che io riesca a sedermi vicino al cuoco e a trovare il tempo di aggiornare il diario di viaggio. Ogni giorno questo è un rito che si ripete quasi sempre uguale, in un luogo sempre diverso ma più o meno la sequenza è sempre la stessa, salvo alcune piccole variazioni di poco rilievo. E’ come un esercizio zen, un’attività ripetitiva ma coinvolgente che rilassa la mente ed il corpo. Uno dei momenti più intensi del viaggio, che permette di ripensare alla giornata, di apprezzare il posto in cui si è arrivati, di guardarsi attorno e scoprire piccoli tesori sulla spiaggia o sotto la pineta. E’ una parte essenziale del viaggio che pur ripetitiva e costante è una delle nostre preferite.Oggi invece non facciamo niente di tutto questo. Oggi è un giorno sballato. La pioggia della notte ed il vento del giorno non solo ci costringono a terra ma ci impongono anche un ritmo completamente differente. Niente smontaggio del campo, per cominciare. Niente rimontaggio, per finire, visto che il vento soffia forte fino alle quattro del pomeriggio e alle cinque ricomincia pure a piovere. Anche i pasti sono tutti scambiati: pranziamo due volte, a mezzogiorno e alle tre del pomeriggio, visto che ci torna una fame viola che ci fa riaprire la cambusa; poi ceniamo prima del solito, alle sei e mezza, quando gli altri giorni ci apprestiamo a sbarcare.Il resto della giornata trascorre lento e silenzioso: noi due soli su questa lunga spiaggia deserta ed anonima, solo una gran quantità di grilli salterini che si mimetizzano tra la rena e le canne spiaggiate e si palesano solo quando facciamo qualche passo in qua o in là. Nell’unica passeggiata del mattino abbiamo però incontrato anche un piccolo esemplare di biscia d’acqua, con una bella macchia nera sulla testolina triangolare e con una livrea cinerina che si mimetizza perfettamente sulla battigia. Poi Mauro trova ben quattro palloni arancioni, io sette palline colorate, due palette ed una formina di plastica a forma di stella blu. E questo è tutto.Per il resto della giornata ci godiamo il dolce far niente. Osserviamo le nuvole, le onde, il passaggio del mono-treno.Fino al calar della sera. La tenda è già lì, montata nello stesso posto, tirantata tra i due kayak, con tutto già sistemato al suo interno. Ci infiliamo dentro che c’è ancora luce, ma la sera diventa subito fresca ed il sonno oggi è più meritato del solito, anche se non abbiamo pagaiato.Siamo entrati nell’ultima settima del nostro lungo viaggio estivo e domani speriamo di poter riprendere ad avanzare verso la nostra meta finale: Sibari.

September 6th – Cadboro Bay (#65)

September 6th – Cadboro Bay (#65)

I managed to get out for a short afternoon paddle on the SUP. Conditions were nice with a bit of a wind coming into the bay. I saw Ned and George in the boats as I paddled through RVYCclick to enlarge4 km, YTD 624 km

August 20-30 – Great Bear Rainforest (#s 58 to 64)

August 20-30 – Great Bear Rainforest (#s 58 to 64)

While working as expedition leader for Maple Leaf Adventures on board MV Cascadia I managed to get out for 7 paddles over two trips. I enjoy paddling these Aquaglide Chelan 155 inflatables. They are comfortable, track well and are not too slow! :)#58 – August 20 – Chief Matthews Bay – 3 kmclick to enlarge#59 – August 21 -Kitlope Anchorage – 3 kmclick to enlarge#60 – August 23 – McMicking Inlet, Campania Island – 5 kmclick to enlarge#61 – August 25 – Cameron Cove, Barnard Harbour, Princess Royal Island – 3 kmclick to enlarge#62 – August 28 – Chief Matthews Bay – 4 kmclick to enlarge#63 – August 30 – Cameron Cove, Barnard Harbour, Princess Royal island – 3 kmclick to enlarge#64 – August 30 – McMicking Inlet, Campania Island – 3 kmclick to enlarge24 km total, YTD 620 km

messaggio dal TatiyakSPOT Localizzatore SPOT Personal Tracker

TatiyakSPOT Latitudine:39.41068 Longitudine:17.10876 Posizione GPS Data/Ora:09/06/2021 11:00:09 CEST Messaggio:Sud Italia Kayak Tour 2021. Stiamo bene e il viaggio prosegue come programmato… Fai clic sul seguente collegamento per vedere dove mi trovo. http://fms.ws/1Y1vE4/39.41068N/17.10876E Se il link sopra non funziona , provate questo link: http://maps.google.com/maps?f=q&hl=en&geocode=&q=39.41068,17.10876&ll=39.41068,17.10876&ie=UTF8&z=12&om=1 TatiyakSPOT Hai ricevuto questo messaggio perché TatiyakSPOT ti ha aggiunto al suo elenco di contatti SPOT. FindMeSPOT.com

messaggio dal TatiyakSPOT Localizzatore SPOT Personal Tracker

TatiyakSPOT Latitudine:39.27844 Longitudine:17.10773 Posizione GPS Data/Ora:09/04/2021 19:18:28 CEST Messaggio:Sud Italia Kayak Tour 2021. Stiamo bene e il viaggio prosegue come programmato… Fai clic sul seguente collegamento per vedere dove mi trovo. http://fms.ws/1X-evF/39.27844N/17.10773E Se il link sopra non funziona , provate questo link: http://maps.google.com/maps?f=q&hl=en&geocode=&q=39.27844,17.10773&ll=39.27844,17.10773&ie=UTF8&z=12&om=1 TatiyakSPOT Hai ricevuto questo messaggio perché TatiyakSPOT ti ha aggiunto al suo elenco di contatti SPOT. FindMeSPOT.com

Frej i plywood – Per Carlin

Frej i plywood – Per Carlin

“Hej Björn och Petrus
Denna vecka är ni båda mina hjältar. Björn för att du designat en så fantastisk kajak som Frej, Petrus för att S&G kittet jag köpte av dig höll så hög nivå på material och passform. Telefonsupporten ifrån Petrus är också värd att nämnas, du svarade med bra tips varje gång jag körde fast eller hade en fundering som var avvikande ifrån bygginstruktionen.
Som ni säkert anar så har jag sjösatt min nybyggda Frej. Att jag byggde en till kajak efter Spray har flera förklaringar. Det korta svaret är att jag behövde en kajak med kapell för längre turer när det går grov sjö. Det blev för mig uppenbart efter en lång och blöt i septembember i min surfski under förra året. Det tog kroppen en vecka att återhämta sig efter den nedkylningen. 
Nu har jag två kajaker, med väldigt olika egenskaper och användningsområden. Jag hoppas båda blir lika mycket paddlade framöver.
Att bygga med S&G var för mig en ny och trevlig bekantskap. Att limma med superlim istället för att sy med koppartråd är så smart att det nästan är Nobelpris på det. Är det någon som provat det på ett stripbygge istället för klammer? Det gick fort och var enkelt att få ihop både däck och skrov, rakt blev det också eftersom man byggde i negativa formar. Resten var mer eller mindre samma sak som att bygga med strip, glasfiber och epoxykladd är lika oavsett. Ytfinish är som vanligt det mest tålamodsprövande på ett kajakbygge.
Den enda riktiga utmaningen jag stötte på var att däcket blev på några ställen bredare än skrovet och vill därmed inte alls passa ihop, konstruktionen med vinklad plywood är mycket styv och inte så samarbetsvillig. Min lösning blev att bunta ihop båda delarna med packband, mycket våld och lite tid för eftertanke och sedan pensla in epoxy i skarven när allt sätt till belåtenhet. Fördelen med det är att man får gott om tid på sig att göra skarven snygg. Man hinner bryta bända och lirka med delarna, blir det inge bra så sprätter man bort några band och börjar om. Det tog mig säkert 10h aktivt arbete fördelat på 2 dagar att få det att passa. Det hade aldrig gått om jag kletat epoxy på skrovet och sedan försökt få däcket på plats innan limmet börjat härda. 
Resultatet ser ni på bilderna, väldigt snygg kajak till formen. Och intressant att paddla, jag behöver definitivt öva lite på min paddlingsteknik. Spray är mycket med förlåtande för dålig paddelföring i vattnet. Vikten landade på härliga 16,4kg. En positiv överraskning med tanke på all utrustning och att vikt inte låg i fokus under detta bygge. Jag har varit frikostig med extra remsor på både insida och utsida av skrovet för att få en robust turkajak att dra upp på klipporna och krocka med alla undervattenstenar i Hjälmaren.
Det blev ingen byggdagbok denna gång, jag har bara  dokumenterat bygget löpande med bilder i detta album: https://photos.app.goo.gl/NeEew7R7dRX3LMa38
MvhPer”

messaggio dal TatiyakSPOT Localizzatore SPOT Personal Tracker

TatiyakSPOT Latitudine:39.14225 Longitudine:17.11597 Posizione GPS Data/Ora:09/03/2021 18:36:41 CEST Messaggio:Sud Italia Kayak Tour 2021. Stiamo bene e il viaggio prosegue come programmato… Fai clic sul seguente collegamento per vedere dove mi trovo. http://fms.ws/1XyYXc/39.14225N/17.11597E Se il link sopra non funziona , provate questo link: http://maps.google.com/maps?f=q&hl=en&geocode=&q=39.14225,17.11597&ll=39.14225,17.11597&ie=UTF8&z=12&om=1 TatiyakSPOT Hai ricevuto questo messaggio perché TatiyakSPOT ti ha aggiunto al suo elenco di contatti SPOT. FindMeSPOT.com

Kulturonsdag med klubben

Kulturonsdag med klubben

 Onsdagspadling! Grått i dag, men fargerik gjeng stilte til padling fra klubbnaustet. Det var nordavind, nordvest antagelig. Så vi padlet nordover i dag. Her er det kort «justeringspause» etter et lite stykke. Alt i orden, da padler vi videre.Wenche var baktropp i dag, her med selskap av Franck. På grunn av vindforholdene var vi ikke helt låst til en plan, vi skulle i første omgang til Hurtigrutens Hus, og så se det an der. Men vi regnet med det beste ville være å følge nærmeste siden av Børøya. Her har vi imidlertid en foreløpig stopp ved hurtigbåten, for den er det jo artig å ta bilde under. (Når vi vet at den ikke skal fra kai med det første, i hvert fall.) Fra venstre – Torje, Wenche, Franck, Trond, Leif-Hermann, Berit og Fred.Oppdaga etterpå at det lå en underpadlingsbåt til ved kai, Maximus! Den var mye smalere og lavere, så det var ikke mye å gå på. Men nok! Straks klare for å krysse over til Børøya. Det er som vi ser her tid for lys igjen, spesielt på slike grå dager. Ved hurtigrutens hus var det i dag greit lys for å se inn, lett å se hvordan fasongen på bygget går igjen på båten. (Egentlig omvendt da, siden bygget er nyest.)Vi bestemte oss for å krysse Børøya og følge plan A.Nå var vi jo begynt på en slags kultur-tur, med å kikke på hurtigrutemuseet (som nylig ble åpnet, for øvrig). Videre gikk turen hit. Her skal det bli bystrand etter hvert. De har tatt vare på sanden fra Storskjæret, for å legge den her. Nesten rett over fra Hurtigrutens Hus, som vi ser her. Sa jeg at vi hadde finbesøk fra Ofoten? Torje hadde ærend i byen, og hadde vært forutseende nok til å ta med padleutstyret. Kjempemessig!Det neste på turen var så klart skulpturen Dager og Netter, som vi ser såvidt før brua her. Det ene bildet der vi ser litt av de artige småbølgene vi fikk et lite stykke. Avocet’n liker i likhet med nordkappen sånne, artig selv om de er små. Holder grei fart uten å nesten gjøre noe når det blir sånn.Noen ville innom båthavna også, så kursen gikk videre dit.Jeg stoppet og sendte ei melding til Chipo og Fredrik, som bor like etter havna. Sånn at de skulle kunne se oss når vi passerte, hvis de var hjemme. Det viste seg at Fredrik var i nynaustet sitt, like innenfor der jeg lå og sendte melding. Så ble vi på en måte ni stykker på tur, en liten stund.Widerøe hilste også på. (Tror jeg, eller var det ambulansefly? Det la jeg egentlig ikke merke til.)Grått og til tider skikkelig vått også, men det ble likevel en fin tur. Dessverre minnet ingen meg på at det var blitt september, så septemberrulla må vente enda en liten stund. 

messaggio dal TatiyakSPOT Localizzatore SPOT Personal Tracker

TatiyakSPOT Latitudine:39.02221 Longitudine:17.19382 Posizione GPS Data/Ora:09/02/2021 18:04:46 CEST Messaggio:Sud Italia Kayak Tour 2021. Stiamo bene e il viaggio prosegue come programmato… Fai clic sul seguente collegamento per vedere dove mi trovo. http://fms.ws/1XwLC0/39.02221N/17.19382E Se il link sopra non funziona , provate questo link: http://maps.google.com/maps?f=q&hl=en&geocode=&q=39.02221,17.19382&ll=39.02221,17.19382&ie=UTF8&z=12&om=1 TatiyakSPOT Hai ricevuto questo messaggio perché TatiyakSPOT ti ha aggiunto al suo elenco di contatti SPOT. FindMeSPOT.com

Sud Italia Kayak Tour 2021: il diario da Sant’Andrea Ionio a Capo Colonna…

Sabato 28 agosto 2021 – 42° giorno di viaggioSant’Andrea Ionio Marina – Catanzaro Lido: 30 kmVariabile e nuvoloso – vento da ovest e mare mossoAl nostro risveglio il mare è già increspato dai primi frangenti di una brezza che corre lungo la costa e che va proprio nella nostra stessa direzione. Le prime miglia navighiamo gratis, senza alcuna fatica.L’arrivo a Soverato, una ridente cittadina sul primo promontorio roccioso che incontriamo dalla lontana Scilla, è nell’ora di punta del pranzo estivo. Molti bagnanti sono ancora in acqua ma la “minestrina” di testoline si allunga solo lungo la riva, a pochi metri dalla battigia: le boe che segnalano le acque sicure, infatti, sono posizionate giusto un paio di metri al largo, non di più, perché subito oltre il mare sprofonda in un blu intenso e quasi minaccioso.Il vento in questa ansa di paese non si avverte quasi più.Tiriamo i kayak sulla spiaggia tra i gozzi dei pescatori che sonnecchiano sulle due sponde di un fiumiciattolo in secca: il cartello avverte di lasciare libero il passaggio per le barche che devono essere issate con l’argano comune e noi diligenti ci sistemiamo accanto al pattino rosso del salvataggio dello stabilimento limitrofo.Scendiamo a terra per fare acquisti: abbiamo bisogno di fare il pieno di acqua, di frutta, di pane secco e di altre varie leccornie che di solito stiviamo in cambusa. Usiamo la tecnologia anche questa volta, come per la visita di ieri al museo archeologico: sulla mappa si può scegliere di visualizzare i negozi alimentari della zona, così arriviamo a colpo sicuro a quello più vicino al nostro punto di sbarco (che a dire il vero avevamo già scelto in funzione della distanza dal market!). La tecnologia non ci aiuta, invece, a trovare un locale aperto per pranzo. Anche quello che sembra un bistrot aperto a tutte le ore, in realtà di bistrot ha preso soltanto il nome: non sono neanche le due del pomeriggio e sta già chiudendo gli ombrelloni aperti sulla strada pedonale. Soverato sembra una di quelle cittadine che si risvegliano al tramonto e che si riempiono alla sera, quando i turisti tornano dal mare e si apprestano ad occupare i tavolini dei locali notturni. Peccato anche per l’assenza di una fontanella pubblica: anche a cercarla su google, la più vicina appare in alta montagna ad oltre 60 km dalla nostra sosta. Ci accontentiamo di un panino alla mortadella sulla panchina all’ombra di un ficus gigante lungo la strada litoranea.Quando il vento riprende a crescere, noi ci rimettiamo in mare.Dovremmo costeggiare ed invece tagliamo al largo l’intero golfo.Sarebbe stato forse il caso di pagaiare vicino alla costa per ammirare gli altri promontori rocciosi che si allungano oltre Soverato e che racchiudono piccoli angoli di sicuro interesse, come Caminia e Copanello, piccoli borghi marinari ora molto affollati tra i quali si aprono scogliere ricche di cavità naturali, come le Vasche di Cassiodoro. Le conosciamo solo per avere visto delle foto scattate dall’alto della parete rocciosa, con quel mare cristallino che invita a lunghi bagni rinfrescanti.Avremmo dovuto fermarci per apprezzare questi veri e propri promontori rocciosi, i primi che incontriamo da quando siamo entrati nel Mar Ionio.Eppure, il mare chiama. E quando il mare chiama, noi non sappiamo resistere.Il vento forte da ovest si incanala nel lungo vallone proprio alle spalle di Soverato e raggiunge il mare con raffiche costanti che imbiancano il golfo.Ci ricorda i nostri viaggi nelle ventose isole greche e senza neanche il minimo tentennamento ci infiliamo lì dentro a prendere schizzi e schiaffi, felici come due bambini al luna park.Per tre ore filate non pronunciamo parola, ci scambiamo solo qualche sguardo d’intesa, correggiamo ogni tanto la rotta e proseguiamo filanti verso la nostra meta. E pazienza per la costa.Al largo le onde non si alzano molto perché il vento come al solito le appiattisce, ma sono comunque sufficienti a coprire il ponte dei Voyager oppure a sbattere sulla prua alzando dei bei ventagli d’acqua tra i quali appaiono ogni tanto dei piccoli arcobaleni. Guardiamo solo le onde. Perdiamo lo sguardo in quel blu intenso e per tutto il pomeriggio non facciamo altro che rincorrere l’acqua che sale e che scende. Entriamo in una specie di equilibrio zen, viviamo il qui ed ora: o come spesso mi trovo a ripetere, respiriamo il respiro del mare. E tanto basta a renderci felici. Per qualche ora almeno.Superiamo d’infilata anche Squillace e Catanzaro Lido, compresa la sequenza di strani lidi attrezzati che punteggiano le lunghe spiagge sabbiose di questa zona: la schiera di ombrelloni è racchiusa dentro il perimetro di alte staccionate in legno, dipinte dei colori dei diversi stabilimenti, e tra una muraglia e l’altra si apre giusto lo spazio per l’accesso libero al mare. E’ uno spettacolo che visto dal mare, appunto, lascia un po’ interdetti e che ci fa pensare che chi prende il sole in quei bagni sceglie anche di chiudersi dentro un recinto sui tre lati di terra, come a voler guardare soltanto il mare. Sono i primi lidi recintati che vediamo in tutti i nostri viaggi!Noi puntiamo diretti verso la prima pineta oltre il porto di Catanzaro, il nostro cinquantesimo porto di questo viaggio estivo in kayak.Sbarchiamo quando oramai il sole è tramontato dietro le nuvole bianche e montiamo la tenda poco prima che scenda l’oscurità. Siamo i primi a camminare su questa spiaggia: per trovare Mauro che mi ha preceduta in pineta non devo fare altro che seguire le sue impronte sulla sabbia.Ceniamo con gli ultimi due panini al prosciutto avanzati dalla pausa pranzo e ci sdraiamo, stanchi e soddisfatti, che non sono neanche suonate le nove di sera.L’unico contrattempo è il suono intermittente di un assiolo appollaiato proprio sulle nostre teste, tanto che Mauro è costretto a mettersi i tappi per le orecchie per non farsi rovinare il sonno dal verso penetrante dell’uccello-sonar.Poi in verità ci si mette anche la pioggia, a svegliarci nel cuore della notte: cade a scrosci e fa in tempo a bagnare sacchi a pelo e materassini perché noi imperterriti continuiamo a credere di essere ancora in piena estate e ci ostiniamo a lasciare il sovra-telo nel gavone di poppa del kayak di Mauro. Che deve togliersi i tappi e correre a prenderlo: e, come sempre e come al solito, anche stavolta non appena lui finisce di sistemarlo, la pioggia smette di bagnare il nostro sonno!Domenica 29 agosto 2021 – 43° giorno di viaggioCatanzaro Lido – Catanzaro Lido: 0 kmNuvoloso e ventoso – la pineta è un’oasi di pace!Giornata di terra!Salvatore viene a portarci la colazione in tenda verso le otto del mattino.E’ un nostro amico di kayak di Catanzaro con cui da tempo eravamo in contatto telefonico: cercavamo un modo per incontrarci ma temevamo di aver perso l’occasione quando ieri ci siamo infilati nel vento ed abbiamo superato il porto di Catanzaro, dove lui ed un suo amico hanno trovato un rimessaggio per i loro kayak. Speravamo comunque di poterlo rivedere e lui stamattina ci fa la doppia sorpresa di raggiungerci al nostro campo e di portarci anche due buste di cornetti caldi. E un thermos di caffellatte bollente!Chiacchieriamo sotto la nostra acacia prediletta finché non riprende a piovere. Distratti dalla compagnia non abbiamo tirantato la tenda né adattato il telo per l’ombra a telo antipioggia e ci ritroviamo a fare tutto in fretta e furia per evitare di inzupparci un’altra volta. E di far inzuppare il nostro ospite prediletto. Con cui continuiamo a chiacchierare amabilmente anche sotto il primo vero temporale estivo, e poi ancora durante una breve visita guidata ad un vicino tempietto dedicato alla Madonnina della Pineta, “luogo di preghiera e raccoglimento di un devoto visionario locale”, come ci aveva già scritto la sera prima, quando noi eravamo ormai caduti tra le braccia di Morfeo.Con Salvatore prendiamo accordi per rivederci l’indomani.Intanto noi restiamo a goderci la pace della pineta.Qui tutto tace, anche se il vento smuove le onde che dal largo vengono a rumoreggiare sulla battigia davanti ai nostri due kayak. La tenda però è sotto la prima acacia del bosco, oltre la foce di un fiume che ha scavato la spiaggia, e accanto ad una serie di pascoli battuti da greggi di pecore accompagnate da cani pastore diffidenti e distanti. Quando finalmente il sole decide di fare capolino tra i nuvoloni ancora numerosi e paffuti, ma adesso di un bel bianco panna non più presagio di pioggia, noi mettiamo ogni cosa ad asciugare su un grande cespuglio che sembra proprio prestarsi volentieri per aiutarci a stendere il bucato.E la giornata trascorre lenta e silenziosa tra grilli salterini, lucertole affamate, libellule curiose ed un airone in volo tra le cime degli eucaliptus poco lontani. In spiaggia non arriva quasi nessuno e io posso dilettarmi nel mio passatempo preferito: impilare sassi e creare manine colorate. Oggi trovo dei ciottoli rossastri con inserti verdi e penso che se anche fosse criptonite me ne vorrei portare a casa un bancale intero!Poi il vento cala e anche le nuvole si diradano. Le temperature sono scese a 24 gradi e si capisce che ormai l’estate sta finendo anche in queste ultimi propaggini di costa italiana.Noi programmiamo le prossime tappe giornaliere ed aspettiamo che scenda la notte e riprenda il verso intermittente dell’uccello sonar, come ormai chiamiamo affettuosamente l’assiolo di questa pineta!Lunedì 30 agosto 2021 – 44° giorno di viaggioCatanzaro Lido – Praialonga: 34 kmSereno variabile – vento da ovest al traversoSalvatore e Gerardo arrivano puntuali alle nove del mattino.Noi abbiamo messo la sveglia alle sette per rispettare l’appuntamento e siamo quasi pronti, ci manca solo di sistemare ogni cosa nei gavoni.Tra una chiacchiera, un sorso di caffellatte ed una curiosità sui kayak, ci imbarchiamo comunque dopo le dieci. I due ospiti ci scortano per qualche chilometro oltre il confine tra Catanzaro e Crotone e ci raccontano alcune cose sui lidi attrezzati, sulle ville che sorgono sui terreni retrostanti e sulla stazione di raccolta dati di una ex base Nato che incrociamo poco dopo. Poi arriva anche per loro il momento dei saluti e dopo la foto di ordinanza le nostre rotte si separano. Questo litorale è molto simile ai precedenti: lunghissime spiagge di sabbia bianca e fine, pochi stabilimenti balneari per lo più silenziosi e pochissimi ombrelloni sparsi; tante invece le foci dei fiumi che solcano prima la pianura coltivata e poi la duna sabbiosa, per giungere al mare dopo qualche ansa che spesso finisce in un pantano prima ancora di toccare l’acqua salata. Ci colpisce molto il fatto che pur così larghe e lunghe e accoglienti, queste spiagge siano così poco frequentate da turisti e da locali. Solo di tanto in tanto ritroviamo i famosi gazebo fissi con qualche sdraio di contorno. Sarebbero invece delle perfette località balneari, fuori dalle rotte turistiche più battute, dove non c’è mai la difficoltà di trovare un parcheggio per l’auto, magari anche all’ombra delle numerose pinete, e soprattutto dove non si accalcano ombrelloni ed asciugami in pochi metri quadrati di sabbia. Eppure qui non c’è nessuno.Dopo una pausa veloce per il pranzo, continuiamo la nostra pagaiata col vento al traverso che diventa più intenso man mano che trascorrono le ore pomeridiane. Capiamo bene il motivo per cui sono state installate nella zona una sessantina di piccole pale eoliche, che rappresentano il nostro panorama fino a sera.Scegliamo di passare la notte nella spiaggia di Praialonga.Troviamo posto per i kayak tra gli ombrelloni sparsi che vengono lasciati piantati anche di notte e per la tenda sotto una delle nostre acacie preferite. Ceniamo sul gavone di prua del kayak di Mauro con la teglia di pasta pasticciata preparata dalla moglie di Salvatore. Proprio quando stiamo per metterci a dormire passa a trovarci anche Piergiorgio, l’organizzatore del raduno che si svolgerà tra qualche giorno proprio in questa zona. E’ passato per l’ultimo sopralluogo e voleva conoscerci di persona. E’ stata una chiacchierata molto piacevole con cui abbiamo chiuso una giornata piena di nuove conoscenze.Martedì 31 agosto 2021 – 45° giorno di viaggioPraialonga – Capo Rizzuto: 18 kmSereno – vento contrario in attenuazioneLa notte è stata lunga e silenziosa, nonostante anche in questa pineta viva un assiolo che nelle prime ore notturne ha provato a lanciare i suoi versi penetranti, ma poi deve essere stato spaventato dal russare di Mauro e si è allontanato.La mattina è lenta e pigra, come piace a noi. Facciamo colazione con i cornetti ripieni che ieri ci ha portato Salvatore.Il vento si alza in ritardo e ci lascia tutto il tempo per farci uno schampoo nelle acque basse, calde e limpide della baietta di Praialonga: erano ormai più di tre settimane che non avevamo il tempo ed il modo di lavarci i capelli e con tutto il vento preso in navigazione negli ultimi giorni erano ormai diventati un blocco di sale. Difficili persino da districare. Coi capelli al vento riprendiamo a pagaiare.Per soli tre chilometri, fino al promontorio roccioso di Le Castella.Ci sono una serie di calette incastonate nella scogliera rossastra e ne scegliamo una piccola e deserta per consumare il nostro pranzo.Sappiamo che oltre il capo si accalcano una serie di alberghi e ristoranti e preferiamo restare ancora per un po’ da soli su questo versante ridossato dal vento. Il castello aragonese che sorge sulla piccola isola di Le Castella, ora collegata alla terraferma da uno stretto istmo, costituisce una forte attrazione turistica: peccato che il martedì sia proprio il giorno di chiusura settimanale, ma abbiamo comunque la fortuna di poterlo osservare da ogni lato aperto sul mare, e di apprezzare la sua torre fortificata e merlata e le tante stanze sormontate da una passerella in legno per le visite guidate. E’ un peccato che sia così circondato da costruzioni moderne: non sappiamo dire se le foto che abbiamo scattato dal mare ritraggono le sole mura fortificate del castello oppure anche le “terrazze fantasia” delle moderne abitazioni di Le Castella.Poco oltre si apre anche un doppio porticciolo turistico e tutto il golfo interno fino a Capo Rizzuto è costellato di altre strutture alberghiere. Sormontate a loro volta da una fitta serie di pale eoliche. Le spiagge sono tutte attrezzate con ombrelloni, pedalò e sit-on-top perché l’altra grande attrazione del luogo è la sabbia, rossa e fine come noi ne abbiamo trovata solo a Cefalonia.Facciamo un’altra breve sosta ai piedi dell’agglomerato di Capo Rizzuto, notando che il vecchio faro è ormai soffocato dalle altre costruzioni, così fitte da nascondere anche la torre di avvistamento eretta sulla bassa scogliera di pietra rossastra. Gli scogli sembrano lavorati all’uncinetto, così carichi di fori e cavità da renderli simili a dei centrini giganti: sono tutti così friabili che presto diventeranno a loro volta sabbia rossa.Tra le scogliere si notano altri imponenti calanchi bianchi che risaltano ancor di più sulle spiagge di colore rosso. Anche questo contrasto ci ricorda tanto una località a sud di Cefalonia che noi abbiamo sempre chiamato “La luna” perché la sabbia era finissima e di una tonalità cangiante tra il grigio delle pareti dilavate ed il ramato della spiaggia farinosa.Cerchiamo un luogo per la notte, anche se le spiagge oltre Capo Rizzuto sono tutte talmente strette, così incastonate sotto le pareti dei calanchi, da farci temere di non poter accogliere i quasi sei metri di lunghezza dei nostri kayak. Ogni tanto sono state create delle piccole barriere frangiflutti con le stesse rocce ramate lavorate all’uncinetto e la sabbia sembra essersi raccolta intorno a questi strani uncini rocciosi. Dopo qualche tentativo andato male, scoviamo una spiaggia più profonda delle altre che sembra anche più rossa delle altre.Sbarchiamo tra l’incredulità degli ultimi bagnanti e sotto i loro sguardi incuriositi montiamo la tenda ancor prima che arrivi la notte. Il sole è già calato da un pezzo ed il venticello gentile della sera ci fa provare qualche brivido di freddo. Ceniamo in fretta e subito ci stendiamo a dormire, degnando appena di uno sguardo fugace il cielo stellato sopra di noi: la notte sarà breve perché stavolta siamo proprio rivolti verso est ed il primo sole ci entrerà dritto negli occhi! Mercoledì 1 settembre 2021 – 46° giorno di viaggioCapo Rizzuto – Capo Colonna: 16 kmNuvoloso e ventosoE infatti ci svegliamo alle sei!Alle sette abbiamo già smontato il campo, ma alle otto andiamo a prendere una crema di caffè al bar del campeggio. Perché abbiamo appena scoperto di aver dormito nella spiaggia del campeggio! Alle nove siamo ancora lì che controlliamo le previsioni meteorologiche e che facciamo e disfiamo i programmi per i prossimi due giorni di navigazione. Oggi il vento contrario è ancora gestibile, sui venti nodi fino alle cinque del pomeriggio. Domani invece tutti i nostri siti di riferimento danno un aumento del vento da nord-est con raffiche fino a 30 nodi (F7 della scala Beaufort) e non se ne parla proprio di passare Capo Colonna in quelle condizioni! Potremmo decidere di doppiarlo oggi, ma poi domani ci troveremmo alla periferia della città di Crotone, sulla costa esposta al vento, e la nostra povera tendina potrebbe risentire delle folate notturne. Incerti sul da fare, decidiamo di lasciar decidere al mare.Ci imbarchiamo alle undici, dopo aver risposto a talmente tante domande dei vicini di ombrellone che sembra quasi un’intervista giornalistica, per quanto sono articolate e pertinenti le curiosità dei cinque amici sul nostro viaggio estivo in kayak. Tutti si rammaricano molto quando spieghiamo che è il viaggio meno bello tra i tanti fatti negli ultimi venti anni, lungo coste poco interessanti e su acque che per troppi chilometri abbiamo trovato sporche ed inquinate, fino ad oltre Reggio Calabria. Solo la costa ionica calabrese si salva perché abbiamo pagaiato sempre in acque limpide e pulite, ma purtroppo perde punti per i continui incendi che rileviamo nell’entroterra. Anche oggi, come ieri, e persino verso la Riserva Naturale di Capo Colonna.E il mare decide per noi. Il vento è molto forte anche se ci schiacchiamo sotto le scogliere rossastre e proviamo ad usare la nostra solita strategia di “scogliettare”, di restare cioè molto vicini alla costa per sfruttare le onde di ritorno; in realtà, non possiamo neanche stare troppo ridossati perché diversi scogli semisommersi, che creano anche secche numerose ed estese, ci costringono a stare un po’ più al largo. Adottiamo allora una tecnica differente ma altrettanto divertente: la fila indiana. La mia prua attaccata alla poppa di Mauro, che così mi offre la scia e mi permette di non fare quasi nessun fatica. Come usavano i vecchi cacciatori Inuit quando uscivano in kayak per la pesca alla foca o al narvalo e si davano il cambio in caso di vento forte e contrario. E’ una tecnica che funziona sempre e che fa risparmiare un sacco di energie!Pagaiamo controvento fino alle quattro del pomeriggio. E avanziamo ad appena 2 km orari, contro i 5-6 delle nostre abituali velocità di crociera. E quando raggiungiamo la spiaggetta protetta oltre Torre Scifo, poco prima di Capo Colonna, troviamo il nostro piccolo angolo di paradiso. Per oggi e anche per domani. Visto che subito i nuovi vicini di ombrellone ci dicono che in cima alla strada di accesso alla spiaggia c’è una pizzeria. Per noi che sogniamo di mangiare una pizza da più di un mese è la notizia che scioglie ogni dubbio: montiamo il campo, pubblichiamo il diario sul blog e ci vestiamo da sera per andare a cena fuori!

messaggio dal TatiyakSPOT Localizzatore SPOT Personal Tracker

TatiyakSPOT Latitudine:39.02217 Longitudine:17.19382 Posizione GPS Data/Ora:09/01/2021 17:12:21 CEST Messaggio:Sud Italia Kayak Tour 2021. Stiamo bene e il viaggio prosegue come programmato… Fai clic sul seguente collegamento per vedere dove mi trovo. http://fms.ws/1XuB0h/39.02217N/17.19382E Se il link sopra non funziona , provate questo link: http://maps.google.com/maps?f=q&hl=en&geocode=&q=39.02217,17.19382&ll=39.02217,17.19382&ie=UTF8&z=12&om=1 TatiyakSPOT Hai ricevuto questo messaggio perché TatiyakSPOT ti ha aggiunto al suo elenco di contatti SPOT. FindMeSPOT.com

messaggio dal TatiyakSPOT Localizzatore SPOT Personal Tracker

TatiyakSPOT Latitudine:38.92056 Longitudine:17.12247 Posizione GPS Data/Ora:08/31/2021 17:55:15 CEST Messaggio:Sud Italia Kayak Tour 2021. Stiamo bene e il viaggio prosegue come programmato… Fai clic sul seguente collegamento per vedere dove mi trovo. http://fms.ws/1XsLix/38.92056N/17.12247E Se il link sopra non funziona , provate questo link: http://maps.google.com/maps?f=q&hl=en&geocode=&q=38.92056,17.12247&ll=38.92056,17.12247&ie=UTF8&z=12&om=1 TatiyakSPOT Hai ricevuto questo messaggio perché TatiyakSPOT ti ha aggiunto al suo elenco di contatti SPOT. FindMeSPOT.com

Autour du phare de Pointe Plate, un sud-ouest sauvage

Site du bout du monde, Pointe Plate au sud-ouest de Langlade, est difficile d’accès, par mer et par terre. Visiter ses côtes environnantes en détail nécessite aussi du temps et elles le méritent pleinement. S’y rendre en kayak de mer impose de bénéficier de conditions particulièrement calmes. Avoir le bon créneau météo sur 2-3 jours […]

Vikøya og Sandøya i flott kveldslys

Vikøya og Sandøya i flott kveldslys

 Onsdagspadlinga i uke 34 gikk til Vikøya og Sandøya. Vi startet her ved Jennestad Handelssted (bildet fra retur) i sola, og avsluttet i flott kveldslys. Veldig fint med et sånt lite opphold i de forbannede tåkeskyene som har terrorisert oss i sommer. (Nuvel, Yr har gjort sin del av jobben sånn sett, ved å nesten konsekvent melde det været vi SKULLE ha hatt, om det ikke hadde vært for tåka…)Men i dag altså, et lite unntak – blå himmel! Per var også med i ettermiddag, det var vel første gangen i år. Så det var kjekt!I tillegg kom Leif-Hermann, Fred og Trond også denne onsdagen. Vi satte ut ved pumpehuset, der er det kortere til sjøen fra bilen enn ved selve handelsstedet. Parkerer i ytterkanten så sperrer vi (forhåpentligvis) ikke for noen hvis det skulle bli behov for noen å komme raskt til pumpehuset. Noen smådotter lå igjen hist og her da, men det er jo dekorativt. På staken her sitter det for øvrig en skarv, men den ble dessverre liten på bildet selv om den egentlig var nokså nært, til skarv å være.Ofte padler vi en tur inn til Vik før vi drar til Vikøya, men i dag ble det en annen vri. Vi satte kursen rett mot Vikøya aller først. Ble litt usikker på om bildene er i rett rekkefølge, men her er det i hvert fall Fred, Trond og Per på bildet.Trond og Fred.– Og Leif-Hermann og Per.Etter Vikøya padlet vi videre til Sandøya. Det er vel mer grus enn sand der, men den heter nå det. På skjærene her på baksiden pleide det å ligge sel og hvile seg før i tiden, men det kan det se ut til å være slutt på. Mulig det ble for mye jakt på dem, så de har skydd området? Ikke godt å si, men jeg vet jo at de ble skutt på så det kan være.Vi tok oss en runde rundt øya, men det var lite action i dag. Ikke sel, heller ikke oter eller mer spennende fugler enn en gjeng med diverse måker. Men lyset begynte å bli mer gyllent, la jeg merke til.Vi gikk en tur i land på Vikøya, for vi hadde jo planlagt en pause. Den tok vi på solsiden, naturligvis.Vi hadde også utsikt inn mot Jennestad og vindmøllene. Legg for øvrig merke til de flotte, store furuene på øya. Skikkelige hengekøyetrær. Mens vi satt der ble det stadig enda mer gyllent lys, så vi hadde det ikke travelt.I hvert fall ikke før dette skjedde! Sola gikk bak fjellene, og vips så ble det straks kjøligere.  Så pass kjølig at vi kom oss rimelig raskt på havet og returnerte til Jennestad. Det var også så pass kjølig at jeg droppet rulling, men Fred testa om han fikk det til med Den Sorte Dame, nå som han har fått det til med Romanyen. Jada, det gikk fint! Bra avslutning på turen, synes jeg.Disse små ettermiddagsturene er fenomenale. Takk for turen! 

Meet the Rangers! – Jeff Laxier

Meet the Rangers! – Jeff Laxier

Editor’s note: This is the next in our Meet the Rangers series. Enjoy! And thanks to all the Rangers who contributed photos to this post. Vice Admiral Jim Kakuk: Jeff is a blend of kayaker, explorer, teacher and great camping companion. A natural in his kayak and a good diver and fisherman, you can count on Jeff […]

Related Posts:

Meet the Rangers! – Cate Hawthorne
Meet the Rangers – Captain Debrah Volturno!
Meet the Rangers! – Scott Becklund
In Memoriam – Commander Eric Soares, 1 August 1954 -…
Rolling With Covid-19

The post Meet the Rangers! – Jeff Laxier appeared first on Extreme Sea Kayaking Adventures.

messaggio dal TatiyakSPOT Localizzatore SPOT Personal Tracker

TatiyakSPOT Latitudine:38.93343 Longitudine:16.99145 Posizione GPS Data/Ora:08/30/2021 18:35:51 CEST Messaggio:Sud Italia Kayak Tour 2021. Stiamo bene e il viaggio prosegue come programmato… Fai clic sul seguente collegamento per vedere dove mi trovo. http://fms.ws/1XqXyT/38.93343N/16.99145E Se il link sopra non funziona , provate questo link: http://maps.google.com/maps?f=q&hl=en&geocode=&q=38.93343,16.99145&ll=38.93343,16.99145&ie=UTF8&z=12&om=1 TatiyakSPOT Hai ricevuto questo messaggio perché TatiyakSPOT ti ha aggiunto al suo elenco di contatti SPOT. FindMeSPOT.com

Saltø Å

Begyndertur hvor vi var oppe i Saltø Å. Pause ved De hvide Svaner. Hjemtur i mørke.13 km

THE DUBCAST WITH DUBSIDE: EPISODE #12: The Walden Pond Scum

THE DUBCAST WITH DUBSIDE: EPISODE #12: The Walden Pond Scum

IN THIS EPISODE:The inside scoop on the traditional paddlers known as the “Walden Pond Scum”.LINKS:Aningaaq (HD)Traditional Paddlers Gathering (Minnesota)ZikazaHELP SUPPORT DUBSIDE THROUGH PATREON! Subscribe and get the RSS feed through Buzzsprout:Greenland Rolling with Dubside (2006) Modern Greenland Kayaking (2008)

Njord – Jukka Vanne

Njord – Jukka Vanne

Hi there Björn!
Now finally my new Njord is ready. Here are some pics. Weight with all rigging included (bunjy cord etc.) is 17 kg. Considering I used some mahogany for the looks, I guess the weight is ok – was hoping for 16 kg though.
Haven’t yet been on the water too much, but from what I have tried, it does seem very good – seems to have nice speed, stability is ok (95kg paddler) and with a little skeg exposed, it paddles like on tracks. The rope skeg works nicely!
Thanks! – a great design!
Yours, Jukka
If someone is interested I have some contruction pictures here on FB.

messaggio dal TatiyakSPOT Localizzatore SPOT Personal Tracker

TatiyakSPOT Latitudine:38.83704 Longitudine:16.65873 Posizione GPS Data/Ora:08/28/2021 20:04:53 CEST Messaggio:Sud Italia Kayak Tour 2021. Stiamo bene e il viaggio prosegue come programmato… Fai clic sul seguente collegamento per vedere dove mi trovo. http://fms.ws/1Xn6sN/38.83704N/16.65873E Se il link sopra non funziona , provate questo link: http://maps.google.com/maps?f=q&hl=en&geocode=&q=38.83704,16.65873&ll=38.83704,16.65873&ie=UTF8&z=12&om=1 TatiyakSPOT Hai ricevuto questo messaggio perché TatiyakSPOT ti ha aggiunto al suo elenco di contatti SPOT. FindMeSPOT.com